Oggi ti voglio raccontare la storia di Li Ka Shing.

Il suo nome non ti dirà molto, eppure è l’uomo più ricco di Hong Kong, con un patrimonio stimato di 29,5 miliardi di dollari.

Devi sapere che la sua storia parte molto lontano, e in una situazione estremamente difficile: all’età di quindici anni infatti, Li aveva già conosciuto cosa significava perdere un genitore, rischiare di morire, vivere la guerra e patire la fame.

Ancora bambino perde il papà per tubercolosi, malattia che contrarrà anche lui (e da cui, fortunatamente, si salverà!).

Poco più che adolescente, già orfano di padre e in una condizione di povertà assoluta, con la mamma scappa ad Hong Kong, per evitare gli scontri nella Cina continentale. Appena quindicenne, nell’allora colonia britannica, trova lavoro in una fabbrica in cui vengono prodotti cinturini per orologi di plastica. Si mette quindi all’opera per dare un sostentamento alla propria madre.

Lì imparò molto sulla lavorazione delle materie plastiche, e nel 1950 decise di mettersi in proprio e fondare la propria impresa. Fu il suo primo vero business, e fu anche un successo.

Il vero boom per lui però arrivò nel 1967. La rivoluzione culturale cinese si fece sentire anche ad Hong Kong: le rivolte del 1967 causarono parecchi tafferugli, e molti cittadini hongkonghesi decisero di lasciare la città-stato, svendendo i propri terreni o immobili.

Li ne approfitto, e acquisto molte proprietà a prezzi stracciati. Una volta rientrata l’emergenza, Li capì che potè avviare un’attività immobiliare, vendendo tutto quello che aveva già preso e, magari, trovando anche altre aree da riqualificare e rivendere. È così che nasce la Cheung Kong, che nel 1972 verrà quotata anche nella borsa di Hong Kong.

Nel corso della sua storia, Li continuò a diversificare i propri investimenti, andando a fiutare sempre dove c’era un settore in crescita che poteva fare al caso suo.

Destò particolare scalpore la sua acquisizione della Hutchison Whamposa nel 1979: si trattava di una delle più grandi aziende di servizi di trasporto portuale di origine britannica, ed una delle principali aziende diHong Kong.

Quando ne divenne proprietario, fu la prima volta che un uomo cinese acquisì un’azienda della colonia. Ka Shing, invece, disse di aver capito che importanza stava assumendo il trasporto e la logistica di beni, e quindi decise di assumere il controllo di quell’attività.

Ancora oggi, Li è attivo nella propria holding (un vero e proprio impero!), seppure sia aiutato nella gestione da suo figlio Victor.

Perché ho deciso di raccontarti la sua storia?

Innanzitutto perché è un vero simbolo di resilienza: nonostante tutte e difficoltà della propria vita, è riuscito a raggiungere vette che potevano sembrare inimmaginabili. È partito dal nulla, ed è diventato l’uomo più ricco di Hong Kong ed uno ei più ricchi della Cina.

Ovvio, non l’ha fatto in un giorno, ed ha lavorato sodo per arrivare a costruire il suo impero: tuttavia, la sua esperienza è la dimostrazione di come non serve nascere occhi per essere imprenditori che portano a casa dei risultati. Basta avere la giusta motivazione, e qualsiasi cosa è possibile!

Poi, la sua storia è anche una dimostrazione di come il settore immobiliare può sempre rappresentare un investimento che ti può portare al successo.

Con una ottima intuizione, grazie all’acquisto e alla rivendita di proprietà, Ka Shing è passato dall’aere una fabbrica all’essere una macchina da soldi!

Pensi di essere come Li Ka Shing? Se non credi di potercela fare, e vuoi qualche consiglio in più su come investire ed in che settori, unisciti alla newsletter di Mente Miliardaria.

Per farlo, clicca qui

Sviluppa una Mente Miliardaria o muori provandoci. Al tuo successo!